HAI UN METODO PER TROVARE SOLUZIONI A UN CONFLITTO?

Quando hai a che fare con un conflitto, una delle tecniche che potresti utilizzare è quella di usare i 5 passi del problem solving.

Si tratta di un processo cognitivo che permette di analizzare una determinata situazione e fare ipotesi su quale sia la strada migliore da percorrere quando ci si trova di fronte a un problema.

  1. Identifica e definisci il problema

Prima di giungere alla soluzione devi investire tempo ed energia per comprendere al meglio il problema in termini di esigenze, paure e sentimenti. Il problema è come un “gap” tra lo stato attuale e quello desiderato, cioè un salto tra il punto in cui ti trovi ora e quello in cui vorresti arrivare. Per definire un problema puoi quindi comparare la tua situazione attuale con quella ipotetica del futuro, attraverso una gap analysis.

  1. Prendi in considerazione tutte le soluzioni possibili

Dedicati alla produzione creativa di idee volte a trasformare la situazione problematica in una situazione ottimale, o quantomeno accettabile, per tutte le parti interessate. Per individuare più soluzioni al problema puoi aiutarti attraverso alcune sessioni Brainstorming.

  1. Scegli la soluzione migliore

Ora che hai individuato diverse soluzioni possibili è arrivato il momento di selezionare quella più valida. Valuta tutte le opzioni ed elimina una ad una quelle che ritieni meno opportune. Potresti analizzare ogni possibile soluzione che ti viene in mente sulla base della sua efficacia, del tempo, dei costi e dello sforzo richiesto.

  1. Crea un piano d’azione

In questa fase stabilisci i passi reali da compiere. Puoi anche creare un piano B, nel caso si verificassero circostanze inaspettate. In veste di Business Community Coach uso (in aggiunta al metodo G.R.O.W.) uso la famosa “Regola delle 5W” – whowhatwherewhen e why – ti aiuterà ad arrivare al cuore del problema in modo più rapido ed efficace.

  1. Agisci!

Non puoi essere un buon problem solver se non passi all’azione. Alcune volte le nostre azioni potrebbero comportare dei rischi, ma questo fa inevitabilmente parte del gioco. Nessuno arriva subito al successo senza aver mai sperimentato qualche fallimento.

Conclusione

Quando un conflitto viene affrontato in maniera sbagliata, ricorrendo alla forzatura o all’abbandono, può portare al risentimento, al rancore, all’indifferenza o nel peggiore dei casi a rotture irreparabili. Quando viene gestito nel modo giusto, invece, può aumentare il livello di comprensione, migliorare il sentimento di fiducia tra gli interlocutori e rafforzare i legami.

Prova a individuare un problema (legato ad un conflitto) e a mettere in pratica questo schemino di 5 passaggi per testare la sua efficacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *